PIO MANZÙ

25 settembre 2013 in History

Verve Creative Lab, spazio dedicato al design di Torino, ospita la mostra “Pio Manzù oltre il design” che ripercorre il breve ma intenso itinerario creativo del designer, figlio del celebre scultore Giacomo Manzù, tragicamente scomparso nel 1969, a soli trent’anni, mentre si recava a Torino per illustrare i disegni di uno dei suoi modelli più famosi: la Fiat 127.

Nell’esposizione, visibile dal 3 ottobre al 9 novembre, verranno sposti disegni, maquette in scala e prototipi di numerosi studi e modelli oggi conservati nell’Archivio Pio Manzù di Bergamo, che vanno dagli anni di formazione presso la Hochschule für Gestaltung di Ulm alla collaborazione con Dante Giacosa.

Nato nel 1939, Pio Manzù si diploma a Ulm (Germania) nella scuola diretta da Max Bill che attualizzava gli insegnamenti e le metodiche del Bauhaus. Giovanissimo, insieme a Michael Conrad e Henner Werner, vince il prestigioso Concorso Internazionale dell’Année Automobile con un prototipo su meccanica Austin Healey 3000, costruito da Pininfarina nel 1962 ed esposto lo stesso anno al Salone dell’automobile di Londra. Autore della Fiat 127, una delle vetture di maggior successo nella storia dell’industria automobilistica italiana, Pio Manzù si dedica alla realizzazione di numerosi prototipi di autoveicoli di ricerca dai contenuti innovativi sia dal punto di vista formale che sul piano tecnico come le Autonova GT e Fam, l’Autobianchi Coupé e il City-Taxi costruito per Fiat nel 1968.

Tra i lavori più interessanti esposti presso Verve proprio gli elaborati del progetto Autonova, per il quale Manzù aveva ipotizzato anche l’immagine del marchio e la veste grafica di ogni elemento di comunicazione. Spazio anche ai prodotti realizzati in collaborazione con aziende dell’arredo come Italora, Kartell e Flos (per quest’ultima Manzù firmò la lampada Parentesi assieme ad Achille Castiglioni).

Dunque, una ricerca a 360° mai fine a se stessa ma capace di realizzare prodotti concreti e accessibili che appartengono tanto all’universo degli oggetti d’uso quotidiano quanto al mondo della mobilità e dei mezzi di trasporto. Alla base quindi un’idea di contaminazione tra i diversi ambiti del design, dell’arte, dell’industria e della comunicazione anche in funzione del loro impatto sociale e culturale.

Vernissage il 3 ottobre alle ore 18, presso lo spazio Verve Creative Lab di Torino,  piazza Vittorio Veneto 14/f.

Apertura mostra al pubblico dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.30 da lunedì a sabato (sabato dalle10.30 alle 19.30).

——

Verve creative lab

Piazza Vittorio Veneto, 14/f

10123 Torino

info@vervecreativelab.com

www.vervecreativelab.com