Nilufar DEPOT

16 aprile 2015 in Events

Nilufar, in occasione della Milano Design Week 2015, presenta Nilufar DEPOT.

Nina Yashar, gallerista milanese che non ha bisogno di presentazioni, dopo la cena di gala del 13 aprile, allestita secondo le suggestioni di Martino Gamper, ha aperto al pubblico le porte del suo ”magazzino” in viale Lancetti 34 a Milano nel quartiere Isola: un spettacolare ex spazio industriale di 1.500 mq che ospita la ricca collezione di design storico e contemporaneo, creata nel corso di oltre trent’anni dalla gallerista.
Lo spazio riconvertito dall’architetto Massimiliano Locatelli – CLS architetti è stato trasformato traendo ispirazione dal Teatro alla Scala di Milano: strutture metalliche imponenti, solide ma armoniche accolgono la composta irregolarità dell’estetica Nilufar. Il grande volume infatti, pur essendo uno spazio funzionale che asseconda le quotidiane necessità di stoccaggio, è pronto a diventare palcoscenico di allestimenti improvvisati il cui sipario centrale è l’imponente opera d’ottone lunga sei metri dell’artista Leonor Antunes. Lo spazio è quindi circondato su tre lati perimetrali da tre piani organizzati a balconate, completamente aperte sul grande spazio centrale, dove sono state create diverse cellule/ambientazioni, che mescolano oltre 3.000 pezzi di design contemporaneo e pezzi di design storici, illuminate da luci al neon disegnati da Marco Rizzuto.
Le scenografie di design, curate personalmente da Nina Yashar, vedono design all’avanguardia accanto a pezzi iconici di Albini, Perriand, Parisi e altri.

Come in un ritorno alle origini, il tappeto è il grande protagonista dell’allestimento presentato al Salone del Mobile: la grande passione di Nina Yashar prende forma con un’ampia selezione di proposte vintage sia in galleria che nel nuovo Depot. Dal tappeto decò cinese di fine XIX secolo, ai tappeti turchi, indiani, cinesi degli anni ’40, a un pezzo svedese di Ingrid Dessau, alle opere d’arte di Olga Fisch riprodotte su tappeti argentini degli anni ’50, a un esemplare unico di tappeto svedese di Marta Maas-Fjetterstrom e Barbro Nilsson del 1967, fino alla la serie Tapipardo e Tapizoo di Roberto Gabetti e Aimaro Isola degli anni ’70. Tra i pezzi contemporanei, oltre a Martino Gamper, con House Plan, un grande tappeto in lana policroma annodata a mano, e Caturegli&Formica, con la nuova linea di tappeti Virus Collection, spicca l’inedita serie Fioritura Mimetica disegnata da Pierre Maria Agin, alla sua prima collaborazione con Nilufar. Il designer francese, noto per i suoi lavori con Hermes, presenta due tappeti supercontemporanei che sfumano il colore in modo elegante e inaspettato, quasi ipnotico. Un lavoro che riflette la continua indagine del designer sui temi della natura, della storia e del folklore.

Sia nel nuovo spazio che nella Galleria di via della Spiga infatti si può ammirare un’importante selezione di nuovi pezzi disegnati per la galleria Nilufar da Lindsey Adelman, Michael Anastassiades, Pierre Marie Agin, Michele Balestra, Bethan Laura Wood, Caturegli e Formica, David / Nicolas, Martino Gamper, Massimiliano Locatelli, India Mahdavi, Nir Meiri, Nucleo, Roberto Giulio Rida, Vibeke Fonnesberg Schmidt, Ego Vicente e Osanna Visconti di Modrone.


NILUFAR
DEPOT
viale Lancetti 34 Milano
15th – 19th April 10 am – 8 pm
20th – 30th April (25th and Sundays excluded) 10 am – 7.30 pm
NILUFAR GALLERY
via della Spiga 32 Milano
14th – 19th April 10 am – 8 pm

ph RuyTeixeira
ph Lodovico Colli di Felizzano

(alcune tratte da Vogue.it)