“LUSTRE GABRIEL” A VERSAILLES

2 dicembre 2013 in Random

Il design contemporaneo illumina Versailles

La reggia di Versailles prosegue il dialogo con il contemporaneo e dopo aver ospitato installazioni di artisti di fama mondiale tra i quali Jeff Koons, Giuseppe Penone e Takashi Murakami, ha aperto le porte anche al design.

I designer francesi Erwan e Ronan Bouroullec (www.bouroullec.com) hanno vinto il concorso indetto nel 2011 dall’amministrazione della reggia per la realizzazione di un lampadario destinato a rischiarare una delle scalinata interne del castello.

La risposta dei fratelli Bouroullec è “Lustre Gabriel”: quattro corde luminose dal design contemporaneo e minimalista che partono dal soffitto e si incontrano in due punti, dando vita ad una silhouette al contempo sensuale e delicata. La forma dell’opera è resa da un gioco di forze tra la gravità, il peso e il numero di blocchi di cristallo che la compongono. A dispetto delle apparenze, infatti, l’opera pesa cinquecento chili ed è il risultato di un incastro di ottocento elementi di cristallo.
Il sistema di luci a Led permette di avere una soluzione a basso consumo, un aspetto rilevante considerato che si tratta della prima opera di fattura contemporanea che entrerà a far parte dell’arredo di Versailles in modo permanente.

L’installazione luminosa prende il nome da Ange-Jacques Gabriel, l’architetto che ha disegnato lo scalone nel 1772, ma che non ha mai visto il compimento dei lavori, poiché sono stati interrotti e non sono stati ripresi fino agli anni ottanta del Novecento.

Il “Lustre Gabriel” rappresenta un ulteriore tassello nel confronto tra passato e presente portato avanti dalla Direzione della reggia di Versailles. La scelta del materiale, il cristallo, richiama la tradizione e lo stile settecentesco degli altri lampadari del palazzo, mentre l’uso di una tecnologia allo stato dell’arte e il design lineare sono in armonia con il gusto contemporaneo.